Andrea: il mio San Marino

Il San Marino lo ritengo la più bella gara del CIR, si addice molto alla mia guida, con prove speciali guidate e non troppo veloci.
Arrivando dal cross country ho dei gusti un po’ anomali, infatti l’anno scorso quando lo feci per la prima volta con un auto da rally mi trovai molto bene sulle prove più dissestate, quando invece venivano odiate dai rallisti puri!
Quest anno invece era un po’ diverso, prove sempre molto belle, ma più lisce, e purtroppo tanto trasferimento, ma si sa, trovare delle belle strade su terra in Italia è come trovare uno sponsor che ci preferisca al calcio!?
Noi ci siamo divertiti molto, nonostante il super 2000 oggi giorno faccia un po fatica contro le R5, ma resta comunque molto divertente. Abbiamo perso molto tempo sulle due prove spettacolo in salita, dove sapevamo di essere svantaggiatissimi, allora l’abbiamo presa con la filosofia del traverso. Il giorno dopo siamo partiti per recuperare i secondi persi, e ci siamo riusciti fino a 4 decimi da Ricci e qualche secondo in più da Marchioro. Abbiamo però portato a casa un po di punti completando la gara divertendosi, cosa che ritengo molto importante. Poi ” tutto fa brodo” quindi ci riteniamo comunque contenti!
Tutto ciò è stato possibile grazie a chi ci supporta: a Munaretto per averci fornito una macchina perfetta, a Pirelli per le gomme come sempre impeccabili e a Raceday per seguirci sempre e averci dato la possibilità di raccontare la nostra gara!!!

Guarda anche:

Alberto Brancadori: il mio Rally della Val d’Orcia

Alberto Brancadori (Rover MG) – navigatore Cristian Pollini “Ormai ho disputato sei edizioni Raceday, si …